Nell’articolo di oggi vediamo come fare un olio essenziale a casa puro. Se tu avessi detto le parole “oli essenziali” alcuni anni fa, la gente ti avrebbe guardato in modo divertente perché non avrebbero avuto la minima idea di cosa stavi parlando.

Poi tutti hanno iniziato a sperimentare i loro benefici naturali e sono nate grandi aziende per vendere questi magnifici oli… peccato che molti di questi oli non sono un granché. In fondo all’articolo ti indicherò oli essenziali di altissima qualità che se vorrai potrai acquistare anche tu.

Come fare un olio essenziale? In questo articolo condivido con te un metodo, l’estrazione tramite l’alcool.

Ora ASPETTA un attimo: c’è la possibilità di ricevere tutti i nuovi articoli, video, dirette e iniziative direttamente sul tuo Messenger di Facebook, che ne dici? Se hai piacere clicca Qui e presto riceverai i miei messaggi 😉

Indice dell’articolo:

Come fare un olio essenziale con estrazione tramite alcool

Quando si estraggono gli oli essenziali con l’alcol, è importante notare che è necessario utilizzare alcool etilico NON denaturato o vodka.

1. Estrai il tuo coccio in ceramica

Per iniziare, avrai bisogno di un coccio di ceramica. Se decidi di non usare un coccio in ceramica, assicurati di non usare il metallo, non funziona per questo processo.

Quindi versa la tua vodka o alcool etilico non denaturato sulle sostanze botaniche che hai scelto per estrarre il tuo olio. Puoi usare piante come basilico, lavanda, menta e molte altre.

Assicurati che i prodotti botanici siano completamente coperti dal liquido o che gli oli non vengano completamente estratti da essi durante il processo.

2. Attendi

Questo passaggio è abbastanza semplice. Posiziona il tuo coccio all’aperto per un giorno o due giorni a riposare.

Ti consiglio di coprire il coccio con una garza, in questo modo la miscela respira ma non vi è preoccupazione che gli insetti vi entrino.

3. Filtra e premi delicatamente

Con questo passaggio, avrai bisogno di un colino. Basta versare il composto nel colino assicurandoti di avere un altro contenitore sotto per prenderlo.

Quindi dovrai premere delicatamente i prodotti botanici presenti nel filtro per assicurarti di aver ottenuto tutti gli oli che puoi ottenere da essi.

4. Aggiungi alcuni altri prodotti botanici

Una volta che hai estratto il maggior numero possibile di oli dai tuoi prodotti botanici originali, allora vorrai aggiungere nuovi ingredienti botanici nel coccio.

Assicurati di mantenere lo stesso tipo di botanico in modo da non ottenere un olio misto.

Una volta aggiunti gli ingredienti botanici freschi al coccio con l’olio, sarà necessario lasciare riposare il coccio per 24-48 ore.

Ancora una volta, aggiungi alcol per coprire completamente i nuovi prodotti botanici.

5. Filtra e premi (di nuovo)

Una volta che l’olio con i nuovi prodotti botanici ha completato il periodo di attesa di 24-48 ore, dovrai filtrare nuovamente la miscela.

Ancora una volta, assicurati di premere sul botanico per essere sicuro di aver estratto ogni goccia di olio che puoi.

6. Risciacqua e ripeti

Dopo questi due passaggi dovresti sentire il profumo del tuo olio e vedere se è abbastanza forte per i tuoi gusti.

Se non ha una fragranza o potenza abbastanza forte per te, allora dovrai ripetere di nuovo il processo.

7. Conserva correttamente

L’olio essenziale va messo nel congelatore ma come saprai l’alcol non si congelerà.

Ciò che accade è che l’olio si congela in cima all’alcol e non ti resta che raschiare l’olio dalla parte superiore dell’alcool.

Ora posizionalo in un contenitore di vetro e conservalo in un luogo fresco e buio. Usa il metodo di congelamento per estrarre tutto l’alcol dai tuoi oli.

Una volta fatto, i tuoi oli sono completi. Congratulazioni! Hai appena fatto il tuo primo olio essenziale in casa usando l’alcol.

Fatto in casa VS Acquistato

Dopo aver visto come fare un olio essenziale, forse ti starai chiedendo quale sia la differenza principale tra gli oli essenziali acquistati e il tuo.

Il primo fattore è nel metodo e nella quantità.

Le aziende che producono oli essenziali usano un processo di cottura a vapore, è molto più efficiente perché ci vuole meno tempo e permette di ottenere una maggiore quantità di olio dai prodotti botanici.

Il secondo fattore è il tempo e la comodità.

Fare un olio essenziale come hai visto richiede molto tempo. Il mio consiglio è questo: se hai passione, creatività e tempo da dedicare, creare il tuo olio essenziale personale è qualcosa di magnifico.

Ma se desideri la comodità di averlo già pronto (ma deve essere di assoluta qualità) acquistarlo rimane la soluzione ideale.

Come in tutte le cose vi sono prodotti di qualità e di scarsa qualità. Un indicatore è senz’altro il prezzo: affidati meno a quegli oli essenziali che costano poco.. probabilmente valgono poco. Informati anche sull’azienda e guarda la sua serietà, il sito internet se ce l’ha, ecc.. Ricorda che userai gli oli essenziali sul tuo corpo e nella tua casa.

Ho realizzato questo articolo con un doppio scopo: darti un metodo per creare il tuo olio essenziale e indicartene di assoluta qualità. Ecco quali.

Quali oli essenziali scegliere?

Gli oli essenziali che ti stra consiglio di utilizzare sono quelli prodotti dalla Forever Living, azienda leader mondiale nella coltivazione e nel trattamento dell’Aloe Vera.

Di seguito trovi 3 oli essenziali classici e utilissimi che puoi acquistare, clicca qui invece se vuoi scoprirli tutti.

Olio essenziale di lavanda forever livingOlio essenziale alla lavanda
Per lenire, rilassare e calmare la pelle
Compralo su Forever Living
Olio essenziale al limone forever livingOlio essenziale al limone
Per donare sollievo ed energia
Compralo su Forever Living
Olio essenziale alla menta forever livingOlio essenziale alla menta
Rinomato per l’effetto rinfrescante dovuto al mentolo
Compralo su Forever Living

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci qui il tuo nome