Ridurre l’ansia è determinante per vivere una vita con maggior benessere. Annullare quella sensazione di terrore, paura, preoccupazione e panico come puoi immaginare deve essere una priorità. E non è una novità dei nostri tempi.

Ippocrate ne scrisse nel IV secolo A.C. Sigmund Freud affrontò il disturbo nel 1926.

Tuttavia, nel nostro presente l’ansia ha avuto un aumento significativo, specialmente nei giovani.

Le “droghe farmaceutiche” tendono ad essere il trattamento classico per la cura dell’ansia.

Anche la terapia cognitiva è un approccio comune. Chi invece ha un’inclinazione olistica spesso si rivolge a meditazione, yoga, massaggi e altre tecniche di rilassamento.

ARTICOLO CORRELATO: 7 Tipi di Meditazione: qual è l’Ideale Per Te?

Anche la musicoterapia è stata utilizzata con un certo successo.

Tutte tecniche che funzionano ma in questo articolo voglio presentarti un qualcosa di più semplice, una canzone che ti consiglio di ascoltare qualora volessi ridurre l’ansia. La trovi più in basso.

Ridurre l’Ansia del 65% con una Canzone, possibile?

Neuroscienziati nel Regno Unito si sono concentrati su un’unica canzone che si traduce in una riduzione del 65% nell’ansia generale.

Un sondaggio del 2013 ha rilevato che il 57% delle studentesse americane ha riportato episodi di “angoscia schiacciante”.

E nel Regno Unito, l’associazione benefica YouthNet ha scoperto che un terzo delle giovani donne e un giovane su dieci soffre di attacchi di panico.

Marjorie Wallace, CEO dell’ente benefico Sane, crede che la generazione Y (nata negli anni ’80 e ’90) sia l’epoca della disperazione.

Afferma: “Crescere è sempre stato difficile, ma questo senso di disperazione? È nuovo”

Scrive Rachael Colomba: “L’ansia è l’epidemia che sta investendo la generazione Y. Cosa sta succedendo? L’ascesa della tecnologia, la genitorialità eccessivamente protettiva e la scolarizzazione giudicante sono tra le ragioni di questo aumento dell’ansia oltre che avere il lusso di scegliere”.

Pieter Kruger, psicologo con sede a Londra, afferma che “la ricerca indica che le persone che sentono di non avere scelta sono in realtà più resistenti, principalmente perché possono incolpare la vita o altri se prendono una decisione sbagliata. Tuttavia, nel momento in cui hai una gamma di scelte, non hai nessuno da incolpare se non te stesso”

Afferma il Dott. Kruger: “Diventiamo molto più ossessivi perché vogliamo prendere la decisione giusta ogni volta”.

Nella nostra era moderna, il processo decisionale può innescare un certo tipo di paralisi. Spesso, cercheremo ossessivamente le diverse opzioni per, ad esempio, un paio di scarpe.

Alla fine, il sovraccarico di informazioni potrebbe portarci a odiare l’avventura dello shopping, lasciandoci esausti e colpevoli di essere paralizzati da un compito così apparentemente semplice.

Anche la tecnologia contribuisce all’aumento dell’ansia. Un buon numero di millennial si sente esposto all’ansia nel momento in cui non ha il proprio smartphone tra le mani.

Lo smartphone è la loro finestra sul mondo e favorisce un senso di connessione. Ma c’è un lato oscuro nel sentire la necessità di mantenere il controllo su ciò che tutti stanno facendo sui social media.

Ciò è noto come Fomo, “Fear of Missing Out”

“Fomo è reale e può essere una dipendenza costante che influenza i livelli di ansia e un senso generale di benessere” afferma Kruger.

I social media ci permettono di confrontare ogni cosa – relazioni, dieta, figura, bellezza, ricchezza, tenore di vita – non solo con i nostri amici, ma anche con le celebrità. E, come ha dimostrato la ricerca, il tempo sui social media “può causare depressione nelle persone che si confrontano con gli altri”.

Oltre a rinnovare il nostro stile di vita e limitare l’esposizione ai social media – e imparare a lavorare con un’abbondanza di scelte a volte travolgente – i neuroscienziati hanno scoperto che ascoltare una canzone appositamente progettata può avere un’influenza profonda sui nostri livelli di ansia.

Verità? Non verità? Consiglio a ciascuno di fare esperienza.

La creazione della musica anti-stress definitiva

I ricercatori del Mindlab International nel Regno Unito volevano arrivare a capire che tipo di musica induce il più grande stato di rilassamento.

Lo studio prevedeva che i partecipanti provassero a risolvere enigmi complessi, che innescano intrinsecamente un certo grado di stress, mentre erano collegati a specifici sensori.

Allo stesso tempo, i partecipanti ascoltavano una serie di musiche mentre i ricercatori misuravano la loro attività cerebrale, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il tasso di respirazione.

Quello che hanno scoperto è che una musica ha permesso di ridurre l’ansia generale del 65% e una riduzione del 35% nei loro soliti tassi fisiologici di riposo.

Questa canzone è stata specificamente progettata per indurre questo stato estremamente rilassato.

La canzone è il risultato dell’unione di musicisti di Marconi Union e di terapeuti del suono al fine di per organizzare con cura le armonie, i ritmi e le linee di basso, che a loro volta rallentano la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna di chi ascolta, riducendo al contempo gli ormoni dello stress come il cortisolo.

Ascolta la Canzone per Ridurre l’Ansia

Eccoti di seguito la canzone. Tassativamente da NON ascoltare se stai facendo qualcosa che richiede la tua attenzione cosciente.

Ascolta questa musica poi condividi il tuo commento più in basso parlando della tua esperienza scorrendo la pagina.

Ridurre l’Ansia: Libri e Corsi Utili

Se oltre a questa musica vuoi integrare altre tecniche e strategie per ridurre l’ansia, ti consiglio questi libri e corsi:

Rilassamento EfficaceRilassamento Efficace
48 Tecniche, Trucchi E Segreti Per Raggiungere Il Nirvana Nella Tua Vita Quotidiana
Paolo BabaglioniCompralo su Amazon
Tu Non Sei la tua AnsiaTu Non Sei la tua Ansia
Manuale di sopravvivenza per menti ansiose
Aaron GilliesCompralo su il Giardino dei Libri
Come combattere l’ansia usando le tecniche di RespirazioneCome combattere l’ansia usando le tecniche di Respirazione
Paolo CericolaCompralo su Corsi.it

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci qui il tuo nome