Bere tanta acqua è fondamentale per la salute ma bere acqua senza veleni pericolosi è altrettanto importante. Da oggi in poi prima di acquistare l’acqua o una bibita fai molta attenzione che non vi siano le schifezze che ti elencherò qui di seguito.

In fondo all’articolo troverai utili risorse e articoli di approfondimento.

Ecco i veleni pericolosi che potresti trovare nell’acqua o nelle bibite:

1. Aspartame

Provoca un accumulo di formaldeidie nei tessuti dando luogo a problemi gravi come:

  • cefalea
  • emicrania
  • convulsioni
  • stanchezza
  • problemi cognitivi
  • sclerosi multipla

L’industria alimentare ti dice che l’aspartame è sicuro al 90%.. peccato che questi studi sono di proprietà proprio dell’industria alimentare. Studi di terzi confermano che l’aspartame sia dannoso nel 90% dei casi, tutto il contrario.

2. Glicole Propilenico

E’ un additivo per alimenti e se ingerito in grandi quantità può portare a mutazioni cellulari, problemi al fegato, reni e alla pelle.

3. Sucralosio

Dolcificante artificiale declassato nel 2013 dopo specifici studi che hanno confermato la sua tossicità.Porta a difficoltà respiratorie, emicranie, problemi gastrointestinali.

4. Potassico

Edulcorante artificiale che contiene diclorometano correlato a tumori renali, disturbi visivi, depressione, nausea.

5. Coloranti alimentari

Collegati a problemi di salute come iperattività e allergie e addirittura una diminuzione del QI (quoziente intellettivo) nei bambini.

6. Polisorbato 60

Agente emulsionante etossilato, può portare a cancro

7. BVO (Olio Vegetale Bromurato)

Bandito in tutta Europa, lo si trova ancora negli Stati Uniti. E’ un olio vegetale derivato da mais o soia. Viene legato con l’elemento bromo che è un comune perturbatore endocrino.

Vuoi Approfondire? Ecco utili risorse:

Alimentazione Anticancro: il corso fondamentale di Claudio PagliaraAlimentazione “Anticancro”: il corso fondamentale
Dott. Claudio PagliaraCompralo su Corsi.it
Io Non Mi Ammalo!Io Non Mi Ammalo!
9 facili regole che allungano la vita
Joseph MercolaCompralo su il Giardino dei Libri

 

Leggi anche questi articoli:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci qui il tuo nome