Negli ultimi anni, la nuova ricerca sui buchi neri ha avuto un’accelerazione, producendo alcune idee bizzarre, anche se sconvolgenti come questa ricerca.

La Teoria

Una squadra di astrofisici dell’università canadese di Waterloo ha avanzato una teoria che suggerisce che il nostro universo esiste all’interno dell’orizzonte degli eventi di un enorme buco nero di dimensione superiore annidato all’interno di un universo madre più grande.

Gli scienziati affermano che questa proposizione radicale è coerente con le osservazioni astronomiche e cosmologiche e che teoricamente, una tale realtà potrebbe avvicinarci alla tanto attesa teoria della “gravità quantistica”.

Il team di ricerca di Waterloo ha utilizzato le leggi della teoria delle stringhe per immaginare un universo di dimensioni inferiori abbandonato nella membrana di una dimensione superiore.

Dichiarazioni di Robert Mann e Nikodem Poplawski

Il ricercatore principale Robert Mann ha dichiarato:

“L’idea di base è che forse la singolarità dell’universo è come la singolarità al centro di un buco nero. L’idea è in qualche modo motivata dal tentativo di unificare la nozione di singolarità o di incompletezza nella relatività generale tra buchi neri e cosmologia. E così è nata l’idea che il Big Bang sarebbe analogo alla formazione di un buco nero, ma piuttosto al contrario.”

La ricerca è basata sul precedente lavoro del professor Niayesh Afshordi, anche se non è certo l’unico scienziato che ha esaminato la possibilità di una singolarità del buco nero che genera un universo.

Nikodem Poplawski dell’Università di New Haven immagina il seme dell’universo come il seme di una pianta, un nucleo di informazioni fondamentali compresso all’interno di un guscio che lo protegge dal mondo esterno. Poplawski afferma che questo è essenzialmente ciò che è un buco nero, una conchiglia protettiva attorno a una singolarità del buco nero devastata dalle estreme forze di marea che creano una sorta di meccanismo di torsione.

Compresso strettamente – come gli scienziati immaginano è il caso alla singolarità di un buco nero, che può abbattere le leggi conosciute della fisica – la torsione potrebbe produrre un effetto caricato a molla paragonabile a un jack-in-the-box. Il successivo “grande rimbalzo” potrebbe essere stato il nostro Big Bang, che si è svolto all’interno dei resti collassati di una stella a cinque dimensioni.

Poplawski ha anche suggerito che i buchi neri potrebbero essere portali che collegano universi. Ogni buco nero, dice, potrebbe essere una “porta a senso unico” verso un altro universo, o forse il multiverso.

Indipendentemente dal fatto che questa teoria provocatoria sia vera o meno, gli scienziati credono sempre più che i buchi neri potrebbero essere la chiave per comprendere molti dei misteri nell’universo, tra cui il Big Bang, l’inflazione e l’energia oscura.

I fisici credono anche che i buchi neri possano contribuire a colmare il divario tra la meccanica quantistica e la teoria della relatività di Einstein.

Grazie themindunleashed.com

Tu cosa ne pensi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci qui il tuo nome